Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Cinema’ Category

Gloria

Divertente, ironico, genuino, “Gloria” ci racconta una donna cinquantenne che non vuole rinunciare ad amore, passione, divertimento.
Ce la racconta senza fronzoli mettendo a nudo vizi e piaceri quasi adolescenziali, ma anche paure, incomprensioni, solitudine.
La strepitosa interpretazione di Paulina Garcia (migliore attrice al Festival di Berlino 2013) ha regalato a questo film cileno un grande  e meritato successo anche in Italia.
Unica pecca: forse un po’ lungo.

Annunci

Read Full Post »

Mi è piaciuto il nuovo film di Salvatores. O meglio, sono uscita dal cinema con l’idea di un bel film con un finale un po’ debole. In realtà ho poi ripensato al finale, a certi passaggi, ad alcune inquadrature. Forse mi ero persa qualcosa e l’avevo sottovalutato.
Un grande e magnetico John Malkovich è l’interprete principale di questa sceneggiatura ambientata in una comunità siberiana.
Il cuore del racconto sono i valori, il senso di appartenenza e il difficile equilibrio tra il rispetto delle regole e l’amicizia. Poi ancora la scelta tra amore ed amicizia.Il tutto raccontato anche con il linguaggio dei tatuaggi mai causali, ma sempre testimoni a vita di decisioni, dolori, sentimenti, scelte forti.
“Un uomo non può possedere più di quanto il suo cuore possa amare”.
Da vedere. Qui il trailer ufficiale.

Read Full Post »

La prima cosa bella

Risentita oggi x caso sull’ipod di un amico. Bella la canzona, delicato e struggente il film.

Read Full Post »

In questi giorni guardando la tv mi sono imbattuta in una sequenza letale di pubblicità:
La prima ritraeva un appesantito Banderas con una teglia di biscotti in mano a tessere con improbabile sicumera le lodi del Mulino Bianco.
Premesso che se Banderone ha mai sfornato un biscotto io sono cintura nera di karatè, mi son chiesta quanti pacchetti di macine in più si sia stimato di vendere grazie a questa scenetta ambientata in un mulino da milardari. La mia seconda domanda è chi la Barilla ritenga essere il responsabile dell’acquisto del prodotto “biscotti”. Ad istinto direi “le donne/ mamme”, pur influenzate dai bambini. Dando x scontato che i bambini l’Antonione ispanico manco lo conoscono (Scooby Doo avrebbe sortito un effetto migliore), mi chiedo chi possa credere che basti un bonazzo sorridente a far allungare la manina delle mamme italiane verso un biscotto diverso. Sensibili al bello si, ma improvvide no, soprattutto in tempi di crisi. Fosse stato per me avrei piuttosto optato per una bella sana raccolta punti, di quelle che ci avevano fatto rimpinzare di nastrine, pur di ottenere l’ambito Fornetto. Ecco magari con una scelta più felice di prodotti, mi ricordo infatti la fatica di molti per ottenere l’ambito fornetto, utile solo a scaldare le nastrine stesse. Peccato che dopo averne ingurgitate qualche centinaio la maggior parte dei “collezionisti” non ne potesse più di sfoglie e affini, relegando così il premio al ruolo di soprammobile.

Beh passiamo alla seconda strepitosa campagna pubblicitaria in cui sono inciampata: quella di un diffusore di ferormoni:
Funzione principale? Quella di far sentire di buon uomore i felini di casa.
Ora avendo qualche barlume di quanto possa costare l’investimento pubblicitario e pur ipotizzando che questo prodottino debba avere dei margini da capogiro (tipo i bastoncini di don nascimiento)  mi chiedo quanti proprietari di gatti siano disposti a comprarsi un prodotto del genere. Il dubbio sorge a maggior ragione in periodi come questo, in cui di soldi pare ne girino pochi. Aggiungo ulteriori punti di domanda: 1) e se il prodottino in oggetto desse poi dipendenza come la nicotina? Già mi immagino i micioni arruffati in crisi di astinenza che scardinano con l’unghiolo l’armadietto dei padroni, o viceversa tristi e abulici in un angolino di casa appena il puf puf si scarica. 2)E se funzionasse anche sugli umani e diventasse una sorta di droga dei tempi della crisi ? Come quando alle elementari annusavamo il Vinavil, per capirci.

Read Full Post »

Towanda

Dedicato ad O.

(dal film “pomodori verdi e fritti alla fermata del treno”)

Read Full Post »

Bellissimissimo!!!! (Olivier)

Scusate ma l’hanno appena dato su Sky.

Read Full Post »

Film iraniano Orso d’Oro a Berlino, ho trovato “Una separazione” bello ma non un capolavoro.
Ne ho gustato le riprese, mai banali e sempre indagatrici, a scavare il tema ricorrente della sceneggiatura: Il difficile equilibrio tra verità e menzogna, tra amor proprio e affetto per la famiglia, tra istinto e obblighi morali.
Ho apprezzato la recitazione precisa ed istintiva dei 2 protagonisti e la particolarità di un paio di sequenze.

La prima a raccontare il teatro dell’incomunicabilità, con marito e moglie davanti a un giudice virtuale,  ognuno concentrato a raccontare il proprio punto di vista, a gridarlo, a sostenerlo in un monologo sterile che esclude a priori l’ascolto dell’altro.
Toccante anche un’altra scena in cui il vecchio padre malato d’Alheimener prende la mano della nuora che sta per andarsene e non vuole lasciarla: Delicato, potetico, struggente come l’interrogativo che ne nasce: può questa malattia lasciare scampoli di lucidità anche nelle fasi più avanzate?

Per il resto abbastanza scontata la trama, con pochi colpi di scena ed alcune scene ridondanti, bilanciate forse dal finale, volutamente aperto.

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: